Specializzandi coinvolti nel piano nazionale vaccini: Giuseppe Sapienza esprime la propria contrarietà nei confronti dell’articolo 80 bis.

Negli ultimi giorni in Commissione Bilancio della Camera sono stati approvati numerosi emendamenti riguardanti la sanità che presto saranno in discussione alla Camera con possibile approvazione e successivo passaggio al Senato. Tra questi l’articolo 80 bis che impone ai medici specializzandi lo svolgimento di attività di profilassi vaccinale alla popolazione. Tale emendamento inoltre configura la partecipazione dei medici in formazione specialistica all’attività di somministrazione dei vaccini anti Sars-CoV-2 come attività formativa professionalizzante nell’ambito del corso di specializzazione.

Il dott. Giuseppe Sapienza, rappresentante di studenti e specializzandi al Consiglio della Scuola di Medicina e Chirurgia di Palermo, esprime il proprio dissenso e dichiara: “Da parte del Governo si sta concretizzando l’ennesimo tentativo di sminuire l’attività formativa dello specializzando. La somministrazione dei vaccini non rientra nell’attività formativa professionalizzante, tranne rare eccezioni. Tale emendamento porterebbe allo svolgimento di attività non attinenti al proprio percorso formativo e dunque ad un’ulteriore interruzione della formazione. Se si vuole coinvolgere la categoria dei medici specializzandi, si conceda a questi la possibilità di partecipare all’avviso Arcuri per l’attuazione del piano di somministrazione vaccini e che si configuri come attività extracontrattuale. Vogliamo dare il nostro contributo ma pretendiamo rispetto da parte delle Istituzioni.”